11147 copia.jpg

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

VMC: cos’è e come funziona

La Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) è una tecnologia che si è sviluppata da quando si è cominciato a progettare edifici con minor consumi energetici: involucro a tenuta all’aria, coibentazione termica di qualità, serramenti con doppi e tripli vetri e ponti termici minimi, che hanno abbassato notevolmente i fabbisogni energetici, a scapito però della salubrità dell’ambiente in quanto l’edificio “non respirava più”. Senza il ricambio dell’aria interna e l’espulsione degli elementi inquinanti, si sono creati notevoli problemi di condensa e muffe sulle pareti, ristagno di odori, etc.

La soluzione è un sistema di ricambio aria “forzato” in funzione 24 ore al giorno, che sostituisce l’apertura manuale delle finestre con differenze fondamentali: possibilità di controllare esattamente le portate d’aria limitando al minimo indispensabile il ricambio, quindi gli sprechi di energia, migliorando notevolmente la qualità dell’aria (rispetto alla semplice apertura delle finestre).

Gli impianti di VMC più efficienti sono costituiti da una macchina dotata di un recuperatore di calore a doppio flusso, che garantisce l’espulsione dell’aria viziata ed l’immissione di aria nuova con recupero dell’energia dall’aria espulsa, e dal sistema di distribuzione aria (condotti, plenum, bocchette, etc.).

vmc 1.jpg


VENTILAZIONE RESIDENZIALE INDIVIDUALE

Airnet propone per le abitazioni un sistema di ventilazione meccanica controllata residenziale del singolo appartamento, dove l’aria viene estratta dai locali di servizio (cucine, bagni, lavanderie, etc.) dove è presente aria “viziata“ carica di umidità, sostanze nocive ed odori, viene filtrata e fatta passare attraverso uno scambiatore di calore ed infine espulsa all’esterno. Nello scambiatore ad alta efficienza, quasi tutto il calore viene ceduto all’aria di rinnovo esterna che viene aspirata, filtrata ed eventualmente trattata ed immessa nei locali “nobili“ (soggiorni, salotti, camere da letto, etc.).

Gli spazi sotto le porte interne garantiscono il corretto passaggio dell’aria di immissione ed estrazione fra i vari locali.

Il sistema si basa sulla distribuzione dell’aria a pavimento o a soffitto attraverso canale rigido in lamiera zincata d’acciaio e canale corrugato circolare in materiale plastico HDPE di dimensioni contenute.

In mandata ed in ripresa, l’aria confluisce ai plenum multi-attacco di distribuzione attraverso i quali viene poi ripartita ai vari locali tramite terminali come griglie o valvole di ventilazione.

Il bilanciamento del sistema è garantito dalla regolazione dei flussi d’aria che avviene tramite idonee serrande di taratura.

vmc 2.jpg


RECUPERO DI CALORE AUTONOMO E VENTILATORI CENTRALIZZATI

La gestione della ventilazione in edifici residenziali costituiti da più unità abitative (palazzine, complessi residenziali, etc.) dipende molto dalle scelte architettoniche del progettista.

Esistono in sintesi due modi di concepire la ventilazione a doppio flusso per le abitazioni collettive:

  • un sistema con recupero del calore autonomo e unità ventilanti centralizzate
  • un sistema con recupero del calore centralizzato

Nel primo caso, negli impianti autonomi con ventilatori centralizzati, l’aria, in mandata e in ripresa, è gestita da unità ventilanti centralizzate (ad esempio ventilatori cassonati) installate in copertura o in semi-interrati, mentre gli scambiatori di calore sono invece posizionati nella singola abitazione.

Centralizzando la ventilazione consegue miglior efficienza globale di ventilazione, per contro è l’assenza di by-pass termico.

vmc 3.jpg


VENTILAZIONE MECCANICA RESIDENZIALE COLLETTIVA - RECUPERO DI CALORE CENTRALIZZATO

In questa seconda tipologia di sistema, un unico recuperatore, posizionato in copertura, gestisce il rinnovo dell’aria in tutto il complesso.

Nella singola unità abitativa l’unico ingombro è costituito dai canali di distribuzione dell’aria di rinnovo e di estrazione dell’aria viziata.

La soluzione presenta indubbi vantaggi: minori ingombri, miglior efficienza globale, manutenzione facilitata e minor rumore, in quanto l’unità è posizionata in un locale tecnico o a tetto.

Per contro, il by-pass è centralizzato, quindi non può tener conto della diversa esposizione delle varie unità abitative, e l’impianto è meno flessibile per utenze con funzionamento diverso (es. temperature, presenza, etc.).

vmc 4.jpg


UNITÀ DI VENTILAZIONE MECCANICA AIRNET


VMC: applicazioni

La VMC trova comunemente applicazione in residenze singole e plurifamiliari, uffici e nuovi complessi commerciali, scuole, centri benessere e palestre, alberghi e ristoranti, musei, cinema e teatri, ambienti produttivi, supermercati. Il principio di funzionamento è analogo in tutte le applicazioni. La macchina può essere posizionata a pavimento, dietro la parete, nel controsoffitto o all’esterno; l’impianto è “invisibile”, fatta eccezione per le griglie e le bocchette di immissione e ripresa aria nei locali.


VMC: modalità

vmc 5.jpg

Inverno: nello scambiatore l’aria esterna (fredda) da immettere nei locali nobili è riscaldata dall’aria aspirata dai locali di servizio, calda e viziata.

vmc 6.jpg

Inverno, ore centrali: nelle ore centrali di giornate invernali particolarmente calde si può trarre vantaggio dalla modalità free-heating; l’aria esterna (più calda di quella interna) è immessa direttamente nei locali senza passare attraverso lo scambiatore.

vmc 7.jpg

Estate: nello scambiatore l’aria esterna (più calda) da immettere nei locali nobili è raffrescata dall’aria aspirata dai locali di servizio, viziata ma a minor temperatura di quella esterna.

vmc 8.jpg

Estate, notte e mattino: l’aria esterna (fresca) è immessa direttamente nei locali senza passare attraverso lo scambiatore, modalità free-cooling, mentre l’aria calda viene espulsa direttamente senza cedere calore.

Con il dispositivo di BY-PASS (obbligatorio dal 01-01-2016) l’aria esterna viene immessa direttamente in ambiente, evitando il passaggio nello scambiatore, e quindi lo scambio termico. L’azionamento è automatico grazie alla rilevazione delle temperatura esterna ed interna; si verifica in alcuni giorni dell’anno quando le condizioni esterne sono favorevoli. Le unità sono equipaggiate con by-pass totale (100 % dell’aria esterna immessa negli ambienti), imprescindibile per edifici passivi o con elevata classe energetica.


PLUS AIRNET

vmc 9.jpg


CONTROLLI E GAMMA UNITÀ

Le unità sono fornite complete di sistema di controllo e connessione alla rete di alimentazione elettrica; sono disponibili 3 versioni con diverse funzioni, ed è possibile il passaggio da un sistema all’altro anche dopo l’installazione (facile e veloce), con la sola sostituzione del pannello remoto:

  • semplificato CTR3V: in abbinamento alle unità VMC con recupero calore equipaggiate con ventilatori a 3 velocità elettronici o regolati da inverter.
  • completo EVO: interfaccia touch screen a colori, per gestione e controllo di tutte le funzioni, allarmi ed impostazione dei parametri.
  • evoluto EVO-D: le stesse caratteristiche della versione EVO, con gestione della domotica.
vmc 10.jpg


GAMMA UNITÀ AIRNET

vmc 11.jpg

vmc 12.jpg

vmc 13.jpg